Con la Scuola Secondaria di I grado (Medie) il Seminario si propone di offrire un accompagnamento formativo tenuto conto delle recenti indicazioni della Riforma scolastica.
Il riferimento basilare è costituito dal “Profilo educativo, culturale e professionale”, che «rappresenta ciò che un ragazzo di 14 anni dovrebbe sapere e fare per essere l’uomo e il cittadino che è giusto attendersi da lui al termine del Primo Ciclo di istruzione» (DL 59/2004 all. D).
Si articola attorno a tre finalità fondamentali:

  • costruire l’identità personale in sinergia con tutto il sistema formativo (famiglia, Seminario e extrascuola);
  • favorire l’acquisizione di conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari;
  • favorire l’acquisizione di un identità sociale attiva.

Il Profilo concorre a determinare la scelta degli obiettivi generali (OG) del processo formativo, degli obiettivi specifici di apprendimento (OSA) nelle unità di apprendimento (UA).

Il Profilo:

  • è il cuore della Riforma, perché riguarda l’autonomia decisionale della persona dell’allievo, che è il nuovo centro di imputazione e il principale protagonista della propria maturazione all’interno di tutto il sistema formativo (scuola, famiglia, Seminario e extrascuola);
  • garantisce la promozione dell’integralità dello sviluppo della personalità che ogni alunno cerca e ha diritto di trovare, anche nella scuola che sceglie per realizzarla, esplicitando le competenze da raggiungere;
  • è il punto di riferimento per determinare la scelta sia degli obiettivi generali (OG) del processo formativo sia degli obiettivi specifici di apprendimento (OSA) nelle unità di apprendimento (UA);
  • è la bussola che orienta tutte le attività educative e didattiche e programmate dalla scuola (POF, PSP-UA), affinché lo studente, con la scuola, la famiglia, il Seminario e l’extrascuola, possa promuovere le proprie capacità in competenze attraverso le conoscenze-abilità disciplinari ed eserciti in pubblico e in privato le regole della convivenza civile.